VITTORIO E’ TORNATO A CASA

Accompagnato, sin dalla partenza da Gaza, dal suo più caro amico Osama  , il feretro di Vittorio Arrigoni, “VIK UTOPIA” come amava definirsi, è rientrato a Bulciago (Lecco), suo paese d’origine, in forma strettamente privata, per l’ultimo abbraccio della sua famiglia, della sua adorata e forte mamma, e della sua comunità.

     La salma è stata trasferita nella casa di famiglia dove resterà sino ai funerali previsti per le ore 16,30 di domenica prossima, Pasqua, nella chiesa parrocchiale.

     Dopo i funerali religiosi, è previsto anche un momento di raccoglimento laico con i suoi amici che, si prevede, arriveranno non solo da tante parti d’Italia ma anche da tante località europee.

     La famiglia ha rivolto un caloroso appello a tutti gli amici di non inviare fiori per il funerale ma di devolvere le somme in favore del Popolo palestinese!

     La mamma di Vittorio, Egidia Beretta, stando ad alcune agenzie di stampa, avrebbe dichiarato che prenderà parte alla prossima missione della Freedom Flotilia per Gaza  perchè “””VOGLIO VEDERE LA GAZA CHE MIO FIGLIO AMAVA TANTO E PER CUI SI E’ SACRIFICATO. VOGLIO INCONTRARE LA BRAVA GENTE CHE VIVE LA’ E DI CUI MIO FIGLIO VITTORIO PARLAVA SEMPRE. IL SUO LAVORO CONTINUERA’ ATTRAVERSO I SUOI AMICI”””.

     Una sconosciuta bloger, mamma precaria ha scritto nel suo blog:                                                                                                                                “””IN MORTE DI VITTORIO ARRIGONI”

“Qualche anno fa, quando venne attuato il massacro pianificato della gente di Gaza, ho scritto una specie di “canzone”. Non c’entra niente con la maternità, e poco con la precarietà, ma mi è tornata in mente perchè oggi quel popolo è ancora più solo. Sono riusciti a tappare una bocca, quella di Vittorio Arrigoni… Non potrà più scrivere, non potrà più testimoniare, non potrà più gridare con rabbia: RESTIAMO UMANI.

     Per quel che valgono, vorrei dedicare a lui queste righe…

                  

Le mie mani si sono arrese                                                                                                                       e al corpo massacrato                                                                                                                          oramai sono abituato                                                                                                                      sono solo un palestinese.

Sasso contro carro armato,                                                                                                                  pietra frutto del deserto,                                                                                                                     lanciatore ormai esperto,                                                                                                                   la bomba non ho fermato.

Qualche anno oppure un mese                                                                                                             poca la vita che porto via                                                                                                                   dalle macerie di casa mia.                                                                                                                   ma ero solo un palestinese.

Ancora senti la mia voce                                                                                                                         perchè ho gridato forte                                                                                                                    quando ho visto la mia morte                                                                                                              esplodere feroce.

Donna uomo o bambina                                                                                                                        per quello che si vede                                                                                                                    io sono carne  sul marciapiede.                                                                                                             La mia colpa è Palestina.

Non ho nemmeno un po’ di terra                                                                                                            dove essere sepolto                                                                                                                       quel che avevo mi è stato tolto,                                                                                                               è un furto chiamato guerra.

Mentre decidi ragione e torto,                                                                                                             tu che scegli sul giornale                                                                                                                   dove sta il bene e dove sta il male,                                                                                                   semplicemente sono morto.

Ma niente sarà più come prima                                                                                                             nella tua piccola coscienza,                                                                                                          perchè sei complice della violenza                                                                                                         che cancella la Palestina.

Le mie mani si sono arrese                                                                                                                  resta solo un’eco di rabbia                                                                                                                che si scioglie nella sabbia.                                                                                                                   Ero solo un palestinese..

Precariamamma”””

Un modo veramente semplice e commovente di ricordarti, Vittorio, un modo come sarebbe piaciuto a te che, in modo quasi profetico, parlando della tua morte avevi detto che avresti voluto essere seppellito “SOTTO NESSUNA BANDIERA” per “ESSERE RICORDATO PER I TUOI SOGNI.

“””DOVESSI MORIRE, TRA CENTO ANNI, VORREI CHE SULLA MIA LAPIDE FOSSE SCRITTO CIO’ CHE DICEVA NELSON MANDELA: ”Un vincitore è un sognatore che non ha mai smesso di sognare” “””

     Sì, caro Vittorio, tu sei un vincitore perchè non hai mai smesso di sognare e l’anonima mamma precaria ha saputo interpretare i tuoi sogni e sicuramente li trasmetterà alla sua bambina perchè siano anche i suoi in tua memoria.

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • semprevento  Il 22/04/2011 alle 23:47

    E’ un bellissimo post..pieno di umanità….
    le persone così però meriterebbero attenzione in vita…
    adesso che non c’è più va rafforzato l’aiuto, la comprensione…
    bisogna far saper al mondo e sensibilizzare i potenti..utopia lo so…
    una candela d’amore a Vittorio,
    stasera, ho avveso.
    vento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: