LA PICCOLA YARA GAMBIRASIO E’ TORNATA A CASA.

     La piccola Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate sopra scomparsa il il 26 novembre dello scorso anno e trovata uccisa in un campo a pochi chilometri dal suo paese, è tornata a casa, ma in una bara, per farsi abbracciare ancora una volta dai suoi genitori, dalla sua famiglia e dalla sua comunità.

     La camera ardente, allestita presso la Casa di riposo comunale  di Brembate Sopra, è stata aperta stamani alle 8 e già una ventina di persone in attesa davanti alle transenne ha potuto avvicinarsi e salutare la bara bianca con le spoglie della tredicenne sottratta barbaramente all’affetto dei suoi cari.

     Mazzi di rose bianche sono stati posti accanto al feretro ed una grande fotografia di Yara sorridente sembra voler ancora salutare la sua gente, i suoi amici, i compagni di scuola e di palestra. 

     Enorme la commozione davanti alla bara della ragazzina che, dopo sei mesi esatti dalla scomparsa, potrà ricevere l’abbraccio affettuoso della sua comunità e, sicuramente, di tante migliaia di altre persone che giungeranno da tutta la provincia di Bergamo e da altri paesi e città viciniori.

     Oggi la camera ardente resterà aperta sino alle ore 20 e subito dopo, stasera, ci sarà una veglia di preghiera organizzata dalla comunità di Brembate Sopra che si stringerà attorno alla famiglia di Yara per manifestare la propria vicinanza ed il proprio affetto.

     Domani la camera ardente resterà ancora aperta dalle 8 alle 20 e sabato, infine, alle ore 11, saranno celebrati dal Vescovo di Bergamo i funerali solenni nella palestra del Centro Sportivo del Paese. 

     Ciò che tutti ci aspettiamo è che,  con i funerali, il barbaro assassinio di Yara non venga dimenticato e che le indagini in corso delle autorità di PS coordinate dalla Magistratura trovino un nuovo impulso per assicurare alla giustizia il o gli autori di questo efferato delitto e liberare la zona dall’incubo di uno o più assassini in libertà liberi di reiterare ciò che hanno già fatto.

     Ciao, Yara dai pascoli del Cielo dove adesso puoi correre e giocare con altre ragazze ed altri ragazzi che ti hanno preceduto, vittime di altre violenze o di altre malattie, aiuta la tua famiglia a ritrovare la serenità, a metabolizzare il lutto e ad avere una qualche intuizione che possa aiutare le forze dell’ordine e la Magistratura a mettere ordine nel materiale dell’inchiesta affinchè ciò possa servire ad identificare il  tuo o i tuoi assassini.

     R.I.P. 

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • slasch16  On 28/05/2011 at 08:24

    Mi auguro solo che li avvoltoi televisivi la lascino in pace.
    Un bacio.

  • Donatella  On 27/05/2011 at 09:47

    Piccolo angelo…spero che ci sia una giustizia e che i colpevoli paghino al più presto…

  • luciabaciocchi  On 26/05/2011 at 16:26

    Osvaldo ti ringrazio per le belle parole di questo post, se ne è parlato molto, ma questa volta era doveroso ricordare questo momento.

  • semprevento  On 26/05/2011 at 14:29

    Sei mesi…sei lunghi mesi per raccogiere prove …
    son tanti…io credo troppi.
    ma non sono un’esperta.
    La famiglia di yara ha dato dimostrazione di avere una granse dignità. Il dolore non è stato spettacolirazzo…
    il fatto di non averne parlato non ha impedito le ricerche, come a volte è stato detto…io penso invece che gli inquirenti abbiano lavorato nella tranquillità e quindi attenti ad ogni particolare. L’allestimento della camera ardente sarà un momento di grande dolore, un riportare Yara tra tutti …non dimenticheremo mai quella bambina…ne tutte le vittime

    • barbatustirolese  On 26/05/2011 at 15:15

      Sì, sono convinto anch’io che il tempo trascorso sia stato tanto, forse troppo, e che la famiglia di Yara abbia dimostrato in tutto questo tempo la propria dignità nel dolore evitando che la propria tragedia finisse per diventare uno spettacolo. Credo anche che il lungo tempo trascorso stia a dimostrare le difficoltà che hanno incontrato e continuano ad incontrare gli inquirenti sia perchè forse è stata carente la collaborazione da parte di chi, in perfetta buonafede magari, potrebbe essere in possesso di qualche indizio che considera banale e sia di come le prime piste seguite abbiano permesso, dandogli più tempo, al vero colpevole, ai veri colpevoli, di farla franca sino adesso.
      Difficile sarà, anche per chi come me, non la conosceva, dimenticare quel suo solare sorriso da bambina.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: