“CAMBIA IL VENTO” MA NON LA MENTALITA’!

   

         Il Pd romano, per la “Festa dell’Unità 2011”, con scarsa fantasia e senso del ridicolo, ha partorito un manifesto che denota non solo una mentalità dura a morire ma anche scarsa sensibilità verso le donne, l’altra metà del cielo, proprio nell’anno in cui c’è stata la grande manifestazione in tutte le grandi città italiane e nei più piccoli centri periferici al grido di “””SE NON ORA QUANDO?””” ed alla quale hanno partecipato complesssivamente centinaia di migliaia di donne e di uomini di tutte le età e le condizioni sociali.

       Non è accettabile, quindi, questa caduta di stile che denota che annunciare i cambiamenti non basta se sono solo di facciata mentre non cambiano nè i contenuti politici nè lo stile di chi li invoca.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Il manifesto della manifestazione politica che utilizza le gambe scoperte di una donna come richiamo pubblicitario ha, giustamente, scatenato una dura polemica per l’uso strumentale del corpo di una donna come veicolo per un messaggio che nulla ha a che fare con essa.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Nell’esprimere, quindi, ancora una volta solidarietà e stima al Comitato permanente “SE NON ORA QUANDO” mi unisco alle voci di quanti hanno invitato il Pd romano, forse un po’ troppo berlusconizzato,  di chiedere scusa ai milioni di donne il cui voto è stato un fondamentale segno di cambiamento per il raggiungimento dei risultati riportati sia nell’ultimo voto amministrativo e,soprattutto, nei referendum e di RITIRARE LA SCIOCCA ED OFFENSIVA CAMPAGNA di richiamo alla loro festa dell’Unità 2011 che non può essere trattata alla stregua di un qualsiasi prodotto di bellezza o per una nuova marca di calze di seta.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 E’ il vento della politica e della cronaca di questi giorni che deve cambiare e non può incominciare con l’adesione, forse inconsapevole, di un partito storicamente di sinistra, oggi molto meno, alla mercificazione del corpo delle donne.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Credo che l’autocritica quando necessaria, come in questo caso, sia indice di democrazia. Forse qualcuno anche nel Pd lo ha dimenticato.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • Donatella  Il 27/06/2011 alle 18:22

    Infatti, davvero di cattivo gusto.
    Buona settimana caro Osvaldo, ti lascio un affettuoso abbraccio!

  • elenatorresaniblog  Il 26/06/2011 alle 22:19

    Anche per questo è importante essere a Siena il 9 e 10 luglio! http://senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com/2011/06/19/siena/

  • semprevento  Il 24/06/2011 alle 12:30

    la marilin lasciamo riposare….in santa pace…
    credo lo meriti….
    speriamo che questo vento cambi rotta…..magari la mia approda da qualche parte invece di vagare sempre nello stesso mare…..

  • semprevento  Il 24/06/2011 alle 10:07

    …sia a destra che a sinistra c’è un gran caos…..
    se mettevano una mia foto….quella della barchetta a vela, sul mare, piegata un pò da una parte..sarebbe stato bellissimo……

    Avrei chiesto i diritti d’autore oltretutto…..credo sarebbe stato lecito….
    oltretutto è bella…sa di libertà e immenso!!!
    http://sempreventophoto.wordpress.com/2011/05/28/vela/

    Non ne infilano una….magari però andrebbe sentita l’interpretazione di chi ha ideato questo post….forse siamo stati un pò duri….a volte dipende sempre da come vengon viste le cose……

    Buona giornata
    vento

    • barbatustirolese  Il 24/06/2011 alle 11:27

      La tua barchetta sarebbe stata senza dubbio più significativa ed anche più aderente al titolo del manifesto.
      La loro giustificazione, la loro toppa è stata peggio per buco! “””In quel manifesto si ravvisa più la poesia frivola e rivoluzionaria di una Marylin Monroe che non la volgarità televisiva a cui siamo abituati”””.
      Cosa ci sia stato di rivoluzionario nella vita di Mrylin sfruttata anche sessualmente oltre che artisticamente da politici sedicenti cattolici e progressisti, i “compagni” del Pd romano me lo dovrebbero dire invece di continuare ad essere dei parolai senza costrutto. Se è questo che porta il vento che cambia….!!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: