Monthly Archives: ottobre 2011

COMPRATI E VENDUTI!

 

        Su “il Fatto Quotidiano” di oggi, con incipit in prima pagina, è pubblicata un’inchiesta di Giorgio Meletti e Paolo Zanca ed un contributo di Marco Belpoliti dal titolo esplosivo: “””BERLUSCONI PAGO’ LA LEGA – ECCO LA PROVA“”” in cui si afferma che l’alleanza tra Forza Italia e Lega nord alla vigilia delle elezioni politiche del 2001 sarebbe stata ufficializzata e suggellata da un vero e proprio contratto di comravendita davanti ad un notaio, un contratto commerciale, col quale si trasferiva a Silvio Berlusconi finanche la proprietà del simbolo leghista.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 In effetti, era una notizia che, tra mormorii, conferme e smentiter, circolava da dieci anni ma solamente il 2 ottobre scorso, nella trasmissione di Lucia Annunziata “In mezz’ora” è stata confermata dal giornalista Gigi Moncalvo, ex direttore dell’organo ufficiale leghista “La Padania” e che, in assenze di prove documentali, aveva provocato l’adirata reazione della dirigenza leghista nei confronti della conduttrice della trasmissione.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    Oggi, “il Fatto Quotidiano”, , non solo sottolinea che la notizia è assolutamente vera ma pubblica un documento interno dell’allora Banco di Roma da cui risulta che il 26 aprile 2001, diciassette giorni prima delle elezioni, quella banca concluse l’iter per la concessione di un fido del valore di 20,4 miliardi di lire a Forza Italia.                                                                                                                                                                                                                                                                                                   L’operazione era stata conclusa nella filiale n.70 di via del Corso, a Roma, e nel documento pubblicato sarebbero riportati in modo dettagliato i termini dsell’operazione tra cui la formula inequivocabile: “””LINEA DI CREDITO LIT 20/MILIARDI, DI CUI LIT 2/MILIARDI DISTACCATI CON M/C IN FAVORE DELLA LEGA NORD“””  e dove la sigla M/C sta per “Mandato di Credito” e significa che il tesoriere del partito di Bossi, (la Lega sono io!), o un suo delegato era autorizzato da Forza Ityalia a farsi versare dal Banco di Roma sino a 2 miliardi di lire dei 20,4 del credito complessivo concesso e che per tutta la cifra l’unico debitore, in prima istanza, sarebbe stato il paertito Forza Italia ed un debitorfe, in seconda istanza, Silvio Berlusconi come prestatore della garanzia fidfeiussoria, così come risulta daslla “Delibera storia” del Comitato Fidi attivata dal Comitato esecutivo presieduto da Cesare Geronzi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Se il documento pubblicato è autentico e non ci sono elementi, nè ragioni per non ritenerlo tale, allora è più facile capire molti fatti politici avvenuti in questi ultimi dieci anni relativi anche alla sudditanza della Lega, in generale, e di Bossi, in particolare, nei confronti di Berlusconi e del suo modo di essere un uomo ed un politico sui generis e si avvalora anche l’idea che, in politica, i furfanti, gli imbroglioni, viaggiano sempre in coppia, come i testicoli, sempre appaiati perchè uno regge il sacco e l’altro lo riempie.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Si comprende meglio anche la noia di Bossi, il suo appisolamento e la serie dei suoi ripetuti sbadigli di ieri , mentre Berlusconi raccontava una delle sue fanfaluche ai suoi complici tra cui, volente o nolente, c’è, appunto, Bossi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           QUESTA E’ LA CLASSE POLITICA CHE CI GOVERNA E CHE OGGI HA, ANCORA UNA VOLTA, PER LA 53^ VOLTA, VOTATO LA FIDUCIA A QUESTO GOVERNO DI DILETTANTI ALLO SBARAGLIO DIMENTICANDO QUANTO AVEVA DETTO IERI DANIELE FRANCO, CAPO DELLA RICERCA ECONOMICA DI BANKITALIA IN UN’AUDIZIONE AL SENATO “””IL PESO DELLA TASSAZIONE IN ITALIA E’ ELEVATO SOPRATTUTTO SUL LAVORO. NEL 2010 LA PRESSIONE E’ STATA IN ITALIA SUPERIORE DI QUASI 3 PUNTI RISPETTO ALLA MEDIA DEGLI ALTRI PAESI DELL’AREA EURO E DI 5,4 PUNTI A QUELLA DEL REGNO UNITO. SAREBBE NECESSARIA UNA RIFLESSIONE SULL’OPPORTUNITA’ DI REINTRODURRE L’ABITAZIONE PRINCIPALE FRA GLI IMMOBILI SOGGETTI AD IMPOSTA, IN PARTICOLARE L’ICI. L’ESENZIONE DELL’ICI DALLE ABITAZIONI PRINCIPALI COSTITUISCE NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE UN’ANOMALIA DEL NOSTRO ORDINAMENTO TRIBUTARIO “””.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            Ma si sa che i governi di Berlusconi hanno sempre privilegiato i ladri di Stato, gli evasori fiscali, gli esportatori di capitali all’estero, gli amici degli amici, le cricche e le caste nazionali e locali.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        Prendendo a prestito Cicerone, ci e gli chiediamo: “””Quousque tandem abutere, Catilina, patentia nostra? Quamdin etiam furor iste tuus nos eludet? Quem ad finem sese affrrenata aictabit audacia?””” .  FINO A QUANDO DUNQUE, BERLUSCONI, ABUSERAI DELLA NOSTRA PAZIENZA? QUANTO A LUNGO ANCORA CODESTA TUA FOLLIA SI PRENDERA’ GIOCO DI NOI? FINO A QUANDO SI SPINGERA’ LA TUA SFRENATA INSOLENZA???

                                                                                         

AMANDA E RAFFAELE: DOPO 4 ANNI RESTITUITA LORO LA LIBERTA’.

            

 

     Ieri sera, poco dopo le 21,la Corte d’assise d’appello di Perugia ha assolto, con formula piena, Amanda Knox e Raffaele Sollecito, dall’accusa di omicidio, per non aver commesso il fatto.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Una sentenza che, dopo quattro anni di detenzione e di sicura angoscia, ha cancellato la condanna di primo grado a 26 e 25 anni di reclusione.

      Il processo d’appello ha avuto il suo momento topico il 18 dicembre 2010 quando, su richiesta delle difese, la Corte aveva disposto la perizia genetica che, non si comprende perchè, era stata negata in primo grado e, con essa, era stata negata giustizia piena ai due imputati in un processo indiziario di tale gravità.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             I giudici della Corte d’appello avevano accolto la richiesta applicando la regola aurea posta dall’art.533 del codice di procedura penale il quale prevede la condanna “””SOLTANTO SE L’IMPUTATO RISULTA COLPEVOLE DEL REATO CONTESTATO AL DI LA’ DI OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO”””.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               E di dubbi, i giudici del processo di primo grado che avevano negato la perizia genetica che oggi ha scagionato i due ragazzi avrebbero dovuto averne almeno qualcuno ma, invece, con la loro eccessiva sicurezza, insieme ai loro periti, hanno “rubato” quattro anni di vita a due ragazzi che, sino a prova contraria, sono innocenti perchè così ha stabilito la Corte d’assise d’appello di Perugia che ha dato loro la chiave per potersi scagionare.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               C’è da chiedersi cosa avranno provato nel loro intimo i giudici di primo grado, certamente in buonafede,  ieri sera alla lettura della sentenza di assoluzione che ha ribaltato il loro libero convincimento solo perchè loro avevano negato completa giustizia ai due imputati negando un esame scientifico, quello genetico, che già allora avrebbe potuto scagionare i due imputati.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Resta sicuramente il dubbio su chi abbia commesso un delitto così atroce, difficilmente da scoprire oggi dopo tanto tempo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Resta anche e soprattutto l’assurdità di una ragazza, Meredith Kercher, la cui foto non pubblico per rispetto della sua famiglia, venuta in Italia per studiare e che, invece, ha trovato la morte per mano omicida.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Resta il dolore incancellabile della famiglia di Meredith, , anch’essa vittima di una giustizia a due velocità che, qualche volta, inconsapevolmente, fa imboccare ai giudici vicoli ciechi i cui meccanismi incomprensibili sfuggono alla ragione.