chi ha paura di virginia woolf?

Dacchè ho avuto il dono del decifrare i grafemi per tradurli in suoni – sì, insomma, dal momento in cui ho iniziato a leggere 😀 –  ho sempre avuto nei confronti di quel che mano a mano cominciava a costituire il bagaglio di parole utili, una sorta di reverenzialità, di rispetto nei mondi possibili trovati, in quello che è descritto. Immergersi in un libro che racconta di fatti, di persone e di luoghi anche, costituisce il viaggio surrogato, il traslato delle sensazioni ed emozioni che emozionano a loro volta, quasi che per una simbiosi o per un principio di vasi comunicanti, dove posto il lettore in comunanza del leggere, si ha un travaso di sapienza da uno all’altro, con l’effetto che cambiando spesso il lettore, così si augura colui che scrive, cambia anche il senso del passaggio, diversa l’interpretazione e il sentire. In quei romanzi, dove oltre i caratteri si…

View original post 259 altre parole

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Commenti

  • giselzitrone  On 01/08/2012 at 15:19

    Wunderschönes Bild liebe Grüsse von mir und einen schönen ersten August wünsche ich Gislinde

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: