Il simplicissimus

L’estate del 2012 verrà ricordata a lungo per il bunga bunga. Non mi sbaglio, non mi confondo con il 2011, con le cene eleganti, le nudità bambine offerte al capo e quelle più stagionate a fare da mezzane: l’anno scorso e quello prima  l’imperatore mise a nudo i suoi vizi, ma questa torrida estate di Ulissi e Minosse assistiamo al denudarsi drammatico e sconcertante della politica che mette in luce la sua incastellatura di potere, mentre ideali, programmi, proclami, narrazioni non appaiono che un trompe l’oeil di cartone, un’illusione ottica. Quel che resta del giorno.

E’ questo il filo che lega le manovre presidenziali per chiudere nel cassetto della cattiva coscienza la trattativa Stato – mafia e il verminaio che emerge giorno dopo giorno sulla trattativa  Stato – Ilva: un potere ormai avulso dalla vita reale del Paese che patteggia al di sopra e al di sotto di esso con altri…

View original post 336 altre parole

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: