Il simplicissimus

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Corre di nuovo sui binari il tram numero 3, proprio come faceva la circolare di una volta, una metafora della nostra contemporaneità: attraversa vestigia imperiali e propaggini di borgate, taglia di netto pubbliche miserie e opulenze private. La mattina ci vedi donne già stremate per aver fatto le pulizie degli uffici, che dormono in piedi nel vagone traballante davanti ai nostri ragazzini, seduti chè devono giocare coi cellulari, e i nigeriani che trascinano di vagone in vagone i grandi sacchi di borse contraffatte, guardandosi intorno smarriti per paura dei controlli.
Oggi un uomo attempato, distinto, ben vestito è precipitato repentinamente nella condizione umiliante e sorprendente di vecchio rottame, pronto ad essere conferito nello spazio indeterminato delle vite nude, improduttive e quindi disonorevoli, che sarebbe preferibile celare con verecondia nelle tenebre ai margini della società.
Il fatto è che le nuove carrozze che sinuosamente avanzano sostituendo…

View original post 800 altre parole

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: