Il simplicissimus

Cambiare si puòDa qualche anno mi chiedo perché la sinistra ami spasmodicamente l’informazione verticale, quella che discende super nos dagli intellettuali (che una volta erano inevitabilmente “grossi”), dai piccoli apparati gelosi delle loro prerogative, dai giornalisti di nome. Quella che viene comunicata secondo scansioni che paiono sempre uguali almeno da quando arrivano i miei ricordi: il manifesto con le richieste irrinunciabili, le relative firme di cento professori e un operaio chissà come capitato in mezzo al gruppo (oggi meglio il precario), l’ostensione dei responsabili che tirano le fila e che sono i soli autorizzati a separare il grano dal loglio e infine l’assemblea indetta per unire, ma nella quale fatalmente ci si divide.

L’insieme riflette la verticalità della comunicazione a stampa dove chi possiede o in qualche modo può accedere ai mezzi di produzione comunica qualcosa dall’alto delle rotative o dell’offset, qualcosa che gode del prestigio di essere stampato e nello stesso…

View original post 644 altre parole

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: