Il simplicissimus

AltanBersani ha vinto, come previsto, ma con numeri anche più alti del previsto dal momento che al rottamatore è mancato al ballottaggio quel 16% di votanti estranei al centrosinistra che secondo  la Società Italiana di Scienza Politica, erano accorsi a dar manforte a Renzi al primo turno. Così Bersani, onusto anche dei voti vendoliani, è ora il candidato premier non di uno ma di ben due partiti. Al sindaco di Firenze va infatti dato il merito di aver messo in luce, con estrema chiarezza, l’esistenza dentro il Pd di una forte area conservatrice di ispirazione neoliberista che deriva dalla lenta fermentazione catto reazionaria della Margherita.

La rottamazione, il nuovismo, l’ insofferenza per apparati marci e immarcescibili insieme, è stato il pretesto, il pareo dietro il quale si è pudicamente nascosta questa realtà che tuttavia è apparsa inequivocabile in ogni singola dichiarazione di Renzi e pure in quel suo programma spot di…

View original post 518 altre parole

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: