Il simplicissimus

thyssen14g-48dcf79907106Anna Lombroso per il Simplicissimus

“Non è possibile che un uomo meticoloso, attento, preciso, fosse solo, in riferimento a quell’impianto così trascurato”. Il Fatto quotidiano riporta la sconcertante  tesi sostenuta dalla difesa dell’ad di Thyssen Harald Espenhahn, al processo di appello a Torino per il rogo dello stabilimento torinese in cui nel 2007 persero la vita sette operai. Gli avvocati hanno chiesto di annullare l’avviso di chiusura delle indagini e quindi il processo di appello. Per la difesa il rogo non fu colpa di Espenhanh, ma degli operai, che non avrebbero osservato le norme di sicurezza e le procedure di controllo. Secondo il legale gli obblighi di controllo e vigilanza nelle singole attività produttive delle linee degli impianti, applicati  da Espenhanh con una prudenza e una minuziosa proverbiale precisione “non sarebbero bastati a impedire quella sequenza causale così particolare che si è verificata quella sera, favorita invece dall’imprudenza degli…

View original post 345 altre parole

Annunci
Post a comment or leave a trackback: Trackback URL.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: