Archivi Categorie: EROISMO UMANO

VITTORIO E’ TORNATO A CASA

Accompagnato, sin dalla partenza da Gaza, dal suo più caro amico Osama  , il feretro di Vittorio Arrigoni, “VIK UTOPIA” come amava definirsi, è rientrato a Bulciago (Lecco), suo paese d’origine, in forma strettamente privata, per l’ultimo abbraccio della sua famiglia, della sua adorata e forte mamma, e della sua comunità.

     La salma è stata trasferita nella casa di famiglia dove resterà sino ai funerali previsti per le ore 16,30 di domenica prossima, Pasqua, nella chiesa parrocchiale.

     Dopo i funerali religiosi, è previsto anche un momento di raccoglimento laico con i suoi amici che, si prevede, arriveranno non solo da tante parti d’Italia ma anche da tante località europee.

     La famiglia ha rivolto un caloroso appello a tutti gli amici di non inviare fiori per il funerale ma di devolvere le somme in favore del Popolo palestinese!

     La mamma di Vittorio, Egidia Beretta, stando ad alcune agenzie di stampa, avrebbe dichiarato che prenderà parte alla prossima missione della Freedom Flotilia per Gaza  perchè “””VOGLIO VEDERE LA GAZA CHE MIO FIGLIO AMAVA TANTO E PER CUI SI E’ SACRIFICATO. VOGLIO INCONTRARE LA BRAVA GENTE CHE VIVE LA’ E DI CUI MIO FIGLIO VITTORIO PARLAVA SEMPRE. IL SUO LAVORO CONTINUERA’ ATTRAVERSO I SUOI AMICI”””.

     Una sconosciuta bloger, mamma precaria ha scritto nel suo blog:                                                                                                                                “””IN MORTE DI VITTORIO ARRIGONI”

“Qualche anno fa, quando venne attuato il massacro pianificato della gente di Gaza, ho scritto una specie di “canzone”. Non c’entra niente con la maternità, e poco con la precarietà, ma mi è tornata in mente perchè oggi quel popolo è ancora più solo. Sono riusciti a tappare una bocca, quella di Vittorio Arrigoni… Non potrà più scrivere, non potrà più testimoniare, non potrà più gridare con rabbia: RESTIAMO UMANI.

     Per quel che valgono, vorrei dedicare a lui queste righe…

                  

Le mie mani si sono arrese                                                                                                                       e al corpo massacrato                                                                                                                          oramai sono abituato                                                                                                                      sono solo un palestinese.

Sasso contro carro armato,                                                                                                                  pietra frutto del deserto,                                                                                                                     lanciatore ormai esperto,                                                                                                                   la bomba non ho fermato.

Qualche anno oppure un mese                                                                                                             poca la vita che porto via                                                                                                                   dalle macerie di casa mia.                                                                                                                   ma ero solo un palestinese.

Ancora senti la mia voce                                                                                                                         perchè ho gridato forte                                                                                                                    quando ho visto la mia morte                                                                                                              esplodere feroce.

Donna uomo o bambina                                                                                                                        per quello che si vede                                                                                                                    io sono carne  sul marciapiede.                                                                                                             La mia colpa è Palestina.

Non ho nemmeno un po’ di terra                                                                                                            dove essere sepolto                                                                                                                       quel che avevo mi è stato tolto,                                                                                                               è un furto chiamato guerra.

Mentre decidi ragione e torto,                                                                                                             tu che scegli sul giornale                                                                                                                   dove sta il bene e dove sta il male,                                                                                                   semplicemente sono morto.

Ma niente sarà più come prima                                                                                                             nella tua piccola coscienza,                                                                                                          perchè sei complice della violenza                                                                                                         che cancella la Palestina.

Le mie mani si sono arrese                                                                                                                  resta solo un’eco di rabbia                                                                                                                che si scioglie nella sabbia.                                                                                                                   Ero solo un palestinese..

Precariamamma”””

Un modo veramente semplice e commovente di ricordarti, Vittorio, un modo come sarebbe piaciuto a te che, in modo quasi profetico, parlando della tua morte avevi detto che avresti voluto essere seppellito “SOTTO NESSUNA BANDIERA” per “ESSERE RICORDATO PER I TUOI SOGNI.

“””DOVESSI MORIRE, TRA CENTO ANNI, VORREI CHE SULLA MIA LAPIDE FOSSE SCRITTO CIO’ CHE DICEVA NELSON MANDELA: ”Un vincitore è un sognatore che non ha mai smesso di sognare” “””

     Sì, caro Vittorio, tu sei un vincitore perchè non hai mai smesso di sognare e l’anonima mamma precaria ha saputo interpretare i tuoi sogni e sicuramente li trasmetterà alla sua bambina perchè siano anche i suoi in tua memoria.

PER SALUTARE VITTORIO, UN EROE UMANO

La gente di Gaza, soprattutto i giovani, i ragazzi ed i bambini palestinesi per i quali era un amico, un compagno di giochi, un fratello maggiore, qualche volta, un padre, continueranno a vegliare la salma di  Vittorio Arrigoni nella bara avvolta nel Tricolore ma anche nella bandiera Palestinese sino a domani quando dovrebbe lasciare per sempre quella terra  e rientrare in Patria attraverso la frontiera con l’Egitto per evitare, anche da morto, di attraversare quel territorio ursupato e calpestato dai neonazisti che governano da oltre 60 anni quella parte di Palestina sottratta ai legittimi proprietari con l’avallo dell’ONU e della cattiva coscienza  degli Stati che parteciparono a quella spartizione territoriale coatta quale atto risarcitorio nei confronti degli Ebrei perseguitati dai nazisti tedeschi.

 

Credo che il modo migliore per ricordare ed onorare la memoria di Vittorio, questo grande eroe umano, sia quello di pubblicare una delle cronache pubblicate nel suo blog e che fa parte del libro edito da “Manifestolibri” col titolo di “Gaza” a pag. 51:

           “””FIONDE CONTRO BOMBE AL FOSFORO BIANCO”””

                                          7 gennaio 2009

     “””PRENDI DEI GATTINI, DEI TENERI MICETTI E METTILI DENTRO UNA SCATOLA””” mi dice Jamal, chirurgo dell’ospedale Al Shifa, il principale di Gaza, mentre un infermiere appoggia per terra dinanzi a noi proprio un paio di scatoloni di cartone, coperti di chiazze di sangue. “””SIGILLA LA SCATOLA, QUINDI CON TUTTO IL TUO PESO E LA TUA FORZA SALTACI SOPRA SINO A QUANDO SENTI SCRICCHIOLARE GLI OSSICINI, E L’ULTIMO MIAGOLIO SOFFOCATO”””. Fisso gli scatoloni attonito, il dottore continua “””CERCA ORA DI IMMAGINARE COSA ACCADREBBE SUBITO DOPO LA DIFFUSIONE DI UNA SCENA DEL GENERE, LA REAZIONE GIUSTAMENTE SDEGNATA DELL’OPINIONE PUBBLICA MONDIALE, LE DENUNCE DELLE ORGANIZZAZIONI ANIMALISTE…””” il medico continua il suo racconto e io non riesco a spostare un attimo gli occhi da quelle scatole poggiate ai miei piedi. “””ISRAELE HA CHIUSO CENTINAIA DI CIVILI IN UNA SCUOLA COME IN UNA SCATOLA, DECINE DI BAMBINI, E POI L’HA SCHIACCIATA CON TUTTO IL PESO DELLE SUE BOMBE. E QUALI SONO STATE LE REAZIONI DEL MONDO? QUASI NULLA. TANTO VALEVA NASCERE ANIMALI, PIUTTOSTO CHE PALESTINESI, SAREMMO STATI PIU’ TUTELATI”””. 

     A questo punto il dottore si china verso una scatola e me la scoperchia davanti. Dentro ci sono gli arti mutilati, braccia e gambe dal ginocchio in giù o interi femori, amputati ai feriti provenienti dalla scuola delle Nazioni Unite Al Fakhura di Jabalia, più di cinquanta finora le vittime. Fingo una  telefonata urgente, mi congedo da Jamal, in realtà mi dirigo verso i servizi igienici, mi piego in due e vomito. Poco prima mi ero intrattenuto in una discussione con il dottor Abdel, oftalmologo, circa i “rumors”, le voci incontrollate che da giorni circolano lungo tutta la Striscia secondo le quali l’esercito israeliano ci starebbe tirando addosso una pioggia di armi non convenzionali, vietate dalla Convenzione di Ginevra. Cluster bombs e bombe al fosforo bianco. Esattamente le stesse che l’esercito di Tsahal utilizzò nell’ultima guerra in Libano e l’aviazione USA a Falluja, in violazione delle norme internazionali.

     Davanti all’ospedale Al Awda siamo stati testimoni (e abbiamo filmato) dell’utilizzo di bombe al fosforo bianco, cadute a circa cinquecento metri da dove ci trovavamo, troppo lontano per essere certi che sotto gli Apache israeliani ci fossero dei civili, ma tremendamente troppo vicini a noi. Il Trattato di Ginevra del 1980 prevede che il fosforo bianco non debba essere usato direttamente come arma di guerra nelle aree civili, ma solo come fumogeno o per l’illuminazione. Non c’è dubbio che utilizzare quest’arma sopra Gaza, una striscia di terra dove si concentra la più alta densità abitativa del mondo, è già un crimine a priori.

     Il dottor Abdel mi ha riferito che all’ospedale Al Shifa non hanno la competenza militare e medica specialistica per comprendere se alcune ferite di cadaveri che hanno esaminato siano state prodotte effettivamente da armi illegali. A detta sua però, in venti anni di mestiere, non ha mai visto casi di decessi come quelli portati all’ospedale nelle ultime ore. Mi ha spiegato di traumi al cranio, con fratture a vomere, mandibola, osso zogpmatico, osso lacrimale, osso nasale e osso palatino che indicherebbero l’impatto di una forza immensa sul volto della vittima. Quello che, dal suo punto di vista è totalmente inspiegabile, è la totale assenza di globi oculari, che anche in presenza di traumi di tale entità dovrebbe rimanere al loro posto, almeno in tracce, all’interno del cranio. Invece stanno arrivando negli ospedali palestinesi cadaveri senza occhi, come se qualcuno li avesse rimossi chirurgicamente prima di consegnarli al coroner.

     Israele ci ha fatto sapere che da oggi ci è generosamente concessa una tregua ai suoi bombardamenti di 3 ore quotidiane, dalle 13 alle 16. Queste dichiarazioni dei vertici militari israeliani vengono prese dalla popolazione di Gaza con la stessa fiducia di quella dei leaders di Hamas quando dichiarano di aver fatto strage di soldati nemici. Sia chiaro, il peggior nemico dei soldati di Tel Aviv sono gli stessi combattenti sotto la stella di Davide. Ieri una nave da guerra, al largo del porto di Gaza, ha individuato un nutrito gruppo di guerriglieri della resistenza palestinese che si muoveva compatto intorno a Jabalia e ha cannoneggiato. Erano invece dei loro commilitoni, risultato: 3 soldati israeliani uccisi, una ventina i feriti. Alle tregue sbandierate da Israele qui non ci crede ormai nessuno, infatti alle 14 di oggi Rafah era colpita dall’aeronautica e a Jabalia l’ennesima strage di bambini: tre sorelline di 2,4 e 6 anni dedlla famiglia Abed Rabbu.

     Sempre a Jabalia una mezz’ora prima erano le nostre ambulanze sotto attacco. Eva e Alberto, miei compagni dell’Ism, che si trovavano a bordo, hanno videodocumentato l’accaduto, passando poi i video e le foto ai maggiori media. I cecchini israeliani hanno gambizzato Hassan, fresco di lutto per la morte del suo migliore amico, Araf, il paramedico ucciso due giorni fa mentre soccorreva i feriti a Gaza City. I miei compagni sull’ambulanza della mezza luna rossa, che si erano fermati a raccogliere il corpo di un ferito agonizzante in mezzo alla strada, sono stati bersagliati da una decina di colpi. Un proiettile ha colpito alla gamba Hassan  e ridotto l’ambulanza a un colabrodo.

     Andando verso l’ospedale di Al Quds, correndo su uno dei pochi taxi temerari che zingzagando ancora sfidano il tiro a segno delle bombe, ho visto fermi a un angolo di strada un gruppo di ragazzini sporchi, coi vestiti rattoppati, tali e quali ai nostri <“sciuscià” del dopoguerra. Con delle fionde lanciavano pietre verso il cielo, in direzione di un nemico lontanissimo e inavvicinabile che si fa gioco delle loro vite.

     La metafora impazzita che fotografa l’assurdità di questi tempi e di questi luoghi.   RESTIAMO UMANI “””

      (I bambini morti di cui si parla nell’articolo) 

                          (Vittorio amico dei più indifesi)

Ciao, Vittorio!!!