Archivi Categorie: GIUSTIZIA

SCILIPOTI CONDANNATO DALLA CASSAZIONE A PAGARE 200 MILA EURO!

      Povero Scilipoti! Non gliene va più bene nemmeno una. E’ arrivato in ritardo a votare in aula nonostante la sua corsa a tutta carriera; si era ritagliato un piccolo  spazio alla corte di Berlusconi ma non ha ricevuto nemmeno il premio fedeltà, solo parole e qualche abbraccio; più di una volta è stato fischiato in pubblico ed in privato; le sue figuracce hanno varcato la soglia dello studio Tv “mi manda rai tre”; ha perso tutta quella poca credibilità che sperava di avere acquisito tradendo il partito d’elezione per irrobustire l’anemico governo fascio/piduista- nazi/leghista/razzista – qualunquista/scilipotiano ma, alla fine, il governo dei comprati e dei venduti ha perso la maggioranza ed è stato costretto a dimettersi. Insomma, una bufala dietro l’altra e senza guadagnare nulla.

     Se ciò non bastasse, la Corte di Cassazione oggi ha confermato la sentenza di  d’appello emessa a Messina nel 2009, con la quale Dome nico Scilipoti è stato condannato al risarcimento dell’ing. Carmelo Recupero con una somma di circa 200mila euro per non aver mai pagato la fattura emessa per il progetto di un poliambulatorio medico a Terme Vigliatore (ME), paese d’origine di Scilipoti, quando militava ancora nel PSDI. “Nel giurassico”!!!.

     Per complicargli la vita, povero Scilipoti, l’avvocato del creditore ha chiesto ed ottenuto il pignoramento degli immobili del parlamentare ed ha notificato un atto di pignoramento alla Camera per chiedere il sequestro delle indennità accessorie del deputato, non essendo pignorabile lo stipendio dei parlamentari.

      Forse Berlusconi potrebbe aiutarlo considerandolo come un Tarantini qualsiasi in difficoltà  o alla stregua di una delle olgettine bisognose! Lo farà? 

                                                             

AMANDA E RAFFAELE: DOPO 4 ANNI RESTITUITA LORO LA LIBERTA’.

            

 

     Ieri sera, poco dopo le 21,la Corte d’assise d’appello di Perugia ha assolto, con formula piena, Amanda Knox e Raffaele Sollecito, dall’accusa di omicidio, per non aver commesso il fatto.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Una sentenza che, dopo quattro anni di detenzione e di sicura angoscia, ha cancellato la condanna di primo grado a 26 e 25 anni di reclusione.

      Il processo d’appello ha avuto il suo momento topico il 18 dicembre 2010 quando, su richiesta delle difese, la Corte aveva disposto la perizia genetica che, non si comprende perchè, era stata negata in primo grado e, con essa, era stata negata giustizia piena ai due imputati in un processo indiziario di tale gravità.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             I giudici della Corte d’appello avevano accolto la richiesta applicando la regola aurea posta dall’art.533 del codice di procedura penale il quale prevede la condanna “””SOLTANTO SE L’IMPUTATO RISULTA COLPEVOLE DEL REATO CONTESTATO AL DI LA’ DI OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO”””.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               E di dubbi, i giudici del processo di primo grado che avevano negato la perizia genetica che oggi ha scagionato i due ragazzi avrebbero dovuto averne almeno qualcuno ma, invece, con la loro eccessiva sicurezza, insieme ai loro periti, hanno “rubato” quattro anni di vita a due ragazzi che, sino a prova contraria, sono innocenti perchè così ha stabilito la Corte d’assise d’appello di Perugia che ha dato loro la chiave per potersi scagionare.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               C’è da chiedersi cosa avranno provato nel loro intimo i giudici di primo grado, certamente in buonafede,  ieri sera alla lettura della sentenza di assoluzione che ha ribaltato il loro libero convincimento solo perchè loro avevano negato completa giustizia ai due imputati negando un esame scientifico, quello genetico, che già allora avrebbe potuto scagionare i due imputati.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              Resta sicuramente il dubbio su chi abbia commesso un delitto così atroce, difficilmente da scoprire oggi dopo tanto tempo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Resta anche e soprattutto l’assurdità di una ragazza, Meredith Kercher, la cui foto non pubblico per rispetto della sua famiglia, venuta in Italia per studiare e che, invece, ha trovato la morte per mano omicida.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Resta il dolore incancellabile della famiglia di Meredith, , anch’essa vittima di una giustizia a due velocità che, qualche volta, inconsapevolmente, fa imboccare ai giudici vicoli ciechi i cui meccanismi incomprensibili sfuggono alla ragione.

“BEATI QUELLI CHE HANNO FAME E SETE DI GIUSTIZIA”

QUEL GIORNO IL POPOLO CILENO, CHE AVEVA PERSO LA LIBERTA’ ED AVEVA VISTO ASSASSINARE IL SUO

PRESIDENTE DEMOCRATICAMENTE ELETTO ,  SICURAMENTE SARA’ RIMASTO AFFAMATO ED ASSETATO DI

GIUSTIZIA!!!   P E R C H E’???