IL CONSIGLIO DI STATO HA DATO RAGIONE AL GIUDICE CLEMENTINA FORLEO.

     Non  è la prima volta che mi occupo in uno dei miei blog della vicenda del Gip Clementina Forleo. Me ne ero occupato subito quando fu chiaro che nei suoi confronti si era scatenata la canea da parte di alcuni esponenti della maggioranza parlamentare appena la dott.a Forleo incominciò ad occuparsi, senza sconti per nessuno, del “caso Antonveneta” che rappresentò, immediatamente, la svolta fondamentale della sua carriera di magistrato per le critiche ingiustamente a lei rivolte anche dagli interventi degli organismi associativi e dello stesso CSM da cui derivo una doppia azione nei suoi confronti, una per incompatibilità ambientale-funzionale e l’altra di tipo disciplinare.

     La prima iniziativa nei confronti della Forleo avvenne all’indomani di una sua intervista trasmessa da “annozero” di Michele Santoro con la quale l’allora Gip di Milano dichiarava di sentirsi esposta a rappresaglie dei “potenti” a causa delle inchieste da lei condotte e di cui aveva fatto menzione in un esposto ai carabinieri e del quale se ne stava occupando, per competenza, la Procura di Brescia.

     Durante la dichiarazione resa alla Commissione consiliare del CSM, presieduta dalla prof. Vacca, il giudice Forleo espose i fatti che avevano corroborato in lei la convinzione esposta nel corso della trasmissione televisiva ottenendo, però, in cambio la proposta della dott.Vacca di trasferimento accolta, guarda caso, subito all’unanimità dei presenti.

     La seconda iniziativa, invece, avvenne in relazione alle inchieste del 2007 sui cosiddetti “furbetti del quartierino” dalle quali erano emerse, attraverso intercettazioni telefoniche, che alcuni imprenditori sotto inchiesta per reati finanziari erano in stretto contatto con parlamentari sia della maggioranza che della sedicente opposizione.

     Tra i parlamentari coinvolti vi erano Piero Fassino, Massimo d’Alema, Romano Comincioli, Nicola Latorre, Salvatore Cicu ed altri e, quindi, il Gip Forleo rivolse, come prescritto, richiesta al Parlamento al fine di poter utilizzare le predette intercettazioni sia come prova nei confronti degli imprenditori inquisiti ma anche come materiale indiziario per potere inquisire alcuni degli stessi parlamentari.

     Ma il presidente della Giunta per le autorizzazioni della Camera, Carlo Giovanardi, seguendo il collaudato alveo della “Casta”, definì la richiesta inammissibile. Anche il procuratore della Cassazione considerò irrituale il protocollo seguito dalla Forleo perchè, a suo avviso, avrebbe violato il principio in base al quale l’azione penale deve procedere dal PM e non dal Gip e, quindi, la Forleo avrebbe compiuto a suo avviso un atto abnorme sanzionabile disciplinarmente.

     A ciò fecero seguito alcuni moniti nei confronti della Forleo a non esporsi e l’apertura della procedura per il trasferimento d’ufficio da parte del CSM che ritenne le dichiarazioni, anche se non in malafede, avessero leso il decoro dell’ordine giudiziario e giustificassero il suo trasferimento ad altra sede, provvedimento ufficializzato e reso esecutivo il 28 luglio dalla sede di Milano a quella di Cremona.

     Contro tale decisione del CSM il giudice Forleo propose immediatamente ricorso al TAR del Lazio che, il 30 aprile 2009, lo accoglieva “ritenendo insussistenti i presupposti di quella decisione” che veniva conseguentemente annullata.

     Il 14 giugno 2011, pochi giorni fa, nel quasi silenzio assoluto dei mezzi di comunicazione, “Il Consiglio di Stato ha confermato la sentenza del TAR del  Lazio del 2009, che aveva annullato il provvedimento con cui il CSM aveva deciso il trasferimento per incompatibilità dall’ufficio Gip di Milano”.

     Il Consiglio di Stato, quindi, ha dato definitivamente ragione al giudice Forleo affermando, di fatto, che NON E’ INCOMPATIBILE CON MILANO E, QUINDI, SE LO VUOLE PUò RITORNARE NELLA SEDE DALLA QUALE ERA STATA INDEBITAMENTE RIMOSSA”.

     E’, quindi, con vera soddisfazione che intendo qui rinnovare la mia stima ed a congratularmi con la dott.a Forleo che non si è mai chinata ai voleri nè di politici e nè di altri giudici proni alla politica come quelli del CSM. Esattamente con avevo fatto con De Magistris nei cui confronti la politica e certa magistratura si era comportata come con la Forleo!

     Ma in questa storia si è ora innestata un’altra iniziativa a danno del giudice Forleo. Dall’8 aprile, infatti, la dott.a Forleo non gode più di alcuna tutela, non ha più, cioè, la scorta, nonostante tutte le minacce ricevute, quantunque i suoi genitori siano morti in un incidente stradale sul quale continuano a permanere molte perplessità  e alcuni giorni fa la masseria della sua famiglia, a Francavilla Fontana, sia stata incendiata dolosamente.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           E così il giude Forleo, per aver fatto il suo dovere, per avere osato indagare sugli intrecci criminali politico-bancari è stata prima trattata da incapace a svolgere il suo lavoro e trasferita da Milano a Cremona oltre che privata dalla sua tutela fisica.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Ma nello stesso momento in cui ha tolto la scorta al giudice Forleo, il governo dei quacquaraquà l’ha assegnata, come evidente ricompensa di prestigio, a due parlamentari, Razzi e Scilipoti, passati molto disonorevolmente al centrodestra!

     Questa è l’Italia che ama Berlusconi il quale non sopporta, invece, i magistrati come la Forleo e come tanti altri che non si prostituiscono ai suoi voleri, esattamente come stanno facendo i magistrati che lo stanno processando davanti al Tribunale di Milano.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           La magistratura, con buona pace di Berlusconi, non è ammalata. Altri sono i malati!  Solo alcuni magistrati sono stati processati e condannati per essere stati comprati, corrotti per favorire qualche pesce cane!

 Lui ne sa qualcosa?                                                                                                                                                                                                                                              

 Sa sicuramente che la dott.a Forleo non si è mai venduta e non lo farà, esattamente come si stanno comportando quei giudici davanti ai quali è imputato a Milano e di fronte ai quali trema pensando cosa potrà accadergli per le accuse di cui dovrà rispondere. 

Posta un commento o usa questo indirizzo per il trackback.

Commenti

  • semprevento  Il 16/06/2011 alle 22:57

    Ogni tanto la giustizia TRIONFA!
    Grande!!!
    buona serata ch ormai volge al sonno….
    vento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: